ossessionicontaminazioni

vg, musica, cinema, libri…

RECENSIONE DI

Gianluca Morozzi
L’Emilia, o la dura legge della musica
(Guanda) pp. 169

pubblicata sul MUCCHIO SELVAGGIO Luglio 2006

Il libro di Morozzi non è un reportage all’americana dove l’autore si documenta sull’oggetto del libro mediante ricerche ed interviste. Il massimo delle ricerche compiute è stato probabilmente il compulsare le biografie di Nomadi, Guccini, CCCP/CSI, Ligabue, Skiantos, Vasco Rossi, con qualche accenno a gruppi beat, Modena City Ramblers, ecc. In questo senso L’Emilia, o la dura legge della musica non ha alcun particolare valore documentario o storico sull’evoluzione della musica emiliana, né sulla definizione di eventuali peculiarità etno-geografiche. Ne è ben conscio lo stesso Morozzi che a pié sospinto si difende dall’accusa che si fa rivolgere da vari personaggi del libro di non approfondire adeguatamente l’aspetto sociologico o di non fare una tassonomia completa dei musicisti emiliani (perché la proliferazione di musicisti non va più ad ovest di Reggio? Perché non dir nulla di Dalla o degli Ustmamò, ad esempio?).

Evidentemente a Morozzi, che è un narratore, la cosa che viene meglio è narrare piuttosto che l’analisi musicale – sommaria e superficiale: a cosa può servire paragonare i testi di Guccini con quelli dei MCR? – e quando racconta i propri trascorsi da chitarrista o le proprie missioni per ascoltare un concerto o l’altro riesce a condividere le proprie esperienze musicali, che sono poi in gran parte anche le nostre, come un amico che ci racconta avventure e disavventure, riuscendo sempre a piazzarci dentro qualche accenno alle conquiste sentimentali. Ma un amico bravo a raccontare, che anche se parla di cose risapute o comunque del tutto ordinarie, riesce a farsi ascoltare dall’inizio alla fine.

Annunci

luglio 5, 2006 - Posted by | Uncategorized

2 commenti »

  1. Nomadi, Guccini, CCCP/CSI, Ligabue, Skiantos, Vasco Rossi, con qualche accenno a gruppi beat, Modena City Ramblers
    Purtroppo sempre lì giriamo…nessuno degli artisti citati è sulla scena da meno di vent’anni o quasi…e pensare che nel sottosuolo c’è una giungla di gente che urla per uscire dall’ombra…diciamo che leggendo il titolo del libro ci avevo sperato…

    Ma una domanda:
    Il libro non è un reportage, non ha velleità documentaristiche o storiche, non vuole definire peculiarità etno-geografiche, non approfondisce l’aspetto sociologico e non fa una tassonomia completa dei musicisti emiliani, non fa analisi musicale nè sommaria nè superficiale.
    Non ho capito…Ma di che parla questo libro?
    Delle sue esperienze da chitarrista e delle sue gite ai concerti? 😐

    Commento di needherliver | luglio 5, 2006 | Rispondi

  2. Il fatto che non ne abbia parlato esattamente bene è esattamente dovuto a quello che dici.
    E’ un diario “di bordo”. Morozzi che va ai concerti. Morozzi che commenta un testo o l’altro. Morozzi che prova a dare sessualmente prova di se mentre disquisisce di musica. Sarebbe stato meglio che avesse preso più decisamente la china del romanzo…

    Commento di st2wok | luglio 5, 2006 | Rispondi


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: