ossessionicontaminazioni

vg, musica, cinema, libri…

I miei 10 CD preferiti del 2007

pinback1) Autumn of the Seraphs Pinback (Touch and Go)
Si tratta dell’album che sicuramente ho più ascoltato e riascoltato quest’anno. Un mix di melodia, di arrangiamenti mai banali, di non casuali rotondità al limitare del psichedelico, senza nondimeno mai scadere nel più becero pop.
E’ un mistero il motivo per cui non li senta alla radio (neppure su quel mezzo bluff di Virgin Radio) o non veda loro video in tv…

arbouretum2) Rites of Uncovering Arbouretum (Thrill Jockey)
Psichedelia per il nuovo millennio, e non solore, ma piuttosto umbratile, uggiosa, e non di meno affascinante e coinvolgente.
Anche qui un CD ascoltato e riascoltato!

thurston3) Trees Outside the Academy Thurston Moore (Ecstatic Peace!)
Allora: questo è il CD dei Sonic Youth, anzi è il CD che sarebbe dovuto uscire invece di tutti quelli che sono usciti almeno dopo Dirty.
Per fortuna Thurston è ancora capace di essere un ragazzino e di aggirare certe manie art- e post-rock che hanno dominato la band d’appartenenza nell’ultimo decennio e riproporci un sound graffiante e sconcertante anche (anzi forse ancor di più per questo) in versione per lo più acustica.

unkle4) War Stories Unkle (Surrender All)
Unkle, alias James Lavelle, prosegue sulla strada dell’elettronica e del campionamento, ma stavolta, dopo un secondo episodio un po’ disorientato, ritorna con le idee chiarissime e "sporca" il tutto con dosi abbondanti di grezzo rock.


apparat5) Walls Apparat (Shitkatapult)
Di Apparat e del suo ultimo album ho già scritto qui: http://ossessionicontaminazioni.splinder.com/post/13511362

now6) Now Kyle Eastwood (Candid)
Il figlio del grande Clint realizza uno stupendo album a cavallo tra jazz e rock dimostrando di essere sia un eccellente interprete sia di saper proporre di suo buona musica. Su tutto ascolatare
la cover di Every Little Things She Does Is Magic!

prince7) Planet Earth Prince (NPG)
Ebbravo il principe: questo è uno dei suoi CD meglio riusciti da tempo. E contiene pure quella che per me è la canzone migliore dell’anno: Guitar

I love U baby,
But not like I love my guitar

…e migliore non solo tra quelle di Prince, eh!

bosso8) You’ve Changed Fabrizio Bosso with Strings (Blue Note)
Suona nella band di Mario Biondi, ma scommetto che non siano in molti i fan di quest’ultimo a sapere chi sia. E invece quest’ultimo suo, con un cast composto da Sergio Cammariere e nientemeno che Dianne Reeves, è uno stupendo album in cui Bosso riprende l’amore per la forma-canzone, quella pop e la avvolge in un’atmosfore jazz suadente. A voler fare un paragone, Bosso ha qui il mood di Chet Baker: e scusate se non è poco!

medeski9) Out Louder Medeski, Scofield, Martin & Wood (Indirecto)
MM&W sono tre innovatori, non sempre ascoltabilissimi, del jazz, ma qui, per accogliere la chitarra di Scofield abbassano la mira ma centrano in pieno il bersaglio: un jazz stupendamente suonato, un feeling immenso tra il trio ed il formidabile chitarrista. Il tutto dimostrato ancora più (se ce ne fosse stato il bisogno) con il secondo dischetto con 6 tracce live.

puscifer10) V is for Vagina Puscifer (Puscifer)
L’ennesiam pazzia di M J Keenan? Ok, sì, ma se la pazzia contiene tanto genio: come non riconoscerlo? Già solo il titolo dell’album e il digipak da soli valgono l’acquisto! Se poi pensiamo che anche la musica vale tutti i soldi spesi…

Piccolo addendum:
Affinità e divergenze musicali tra il Mucchio Selvaggio e me.

E’ chiaro che le classifiche sono soggettive e il bello di questo gioco è vedere cosa hai messo tu e cosa invece avrei messo io. Per questo ha senso che – pur avendoli ascoltati, o addirittura avendoli comprati – non abbia messo nella mia personale classifica album che invece sono in bella mostra nell’Annuario del Mucchio uscito in questi giorni. Ad esempio Banhart, Grinderman, Radiohead, White Stripes, ecc. Ma, poi, di fronte a certe scelte, specie se fanno il paio a certe mancanze, è naturale che sorgano dubbi. Ad esempio che caspita ci stanno a fare i duetti tra Plant e la Krauss quando qualsiasi CD di Alison Krauss ha più fascino? Oppure se ha senso inserire tra i best del 2007 un disco come quello di Alela Diane uscito anni fa ma solo ora distribuito in Italia a chi giova metterci anche quello dellla Winehouse, uscito in tutto il mondo nel 2006? Perché mettere uno pure bravo come Bingham e non citare i dieci volte meglio (sempre in ambito nu-country) Greencards? E perché poi nessuno, ma proprio nessuno ha messo tra le proprie preferenze Moore, Puscifer, Unkle?
Chissà se qualcuno dei miei "colleghi" vorrà lasciare un commento…


 

Advertisements

febbraio 4, 2008 - Posted by | classifiche

Non c'è ancora nessun commento.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: