ossessionicontaminazioni

vg, musica, cinema, libri…

TORNA REVAN, L’EROE DI STAR WARS: KNIGHT OF THE OLD REPUBLIC

sdcc_revan_img2Circa 4.000 anni  prima degli eventi narrati da George Lucas nella doppia trilogia di Guerre Stellari la “Galassia lontana lontana” era già sconvolta dal conflitto tra Jedi e seguaci del lato oscuro della Forza: i Sith. Lo ha raccontato BioWare nel 2003 col videogioco di ruolo (per Xbox e Pc) Star Wars: Knight of the Old Republic (KotOR) ed il principale responsabile della trama del gioco è stato Drew Karpyshyn (che in seguito ha dato il proprio contributo anche alla trilogia di Mass Effect).

Karpyshyn, origini ucraine e game designer per Wizard of the Coast (nota principalmente per l’ideazione del gioco di carte Magic) prima di entrare in BioWare, riprende – dopo il successo della trilogia dedicata a Darth Bane (in corso di pubblicazione da parte di Multiplayer.it) la narrazione là dove l’aveva lasciata in KotOR (e tenendo in considerazione anche gli eventi sviluppati nel seguito da Obsidian Entertainment) raccontando l’evolversi degli eventi in vista del collegamento narrativo col gioco di ruolo multiplayer pubblicato da BioWare alla fine del 2011 Star Wars: The Old Republic (SWTOR). Tra KotOR e SWTOR stanno circa 300 anni in cui la potenza dell’Impero si sviluppa in una zona della galassia ignota alla Repubblica per arrivare ad attaccare all’improvviso e a costringere la Repubblica ad un armistizio.

L’eroe di KotOR era Revan, un potentissimo cavaliere Jedi passato al lato oscuro che assieme al compagno Darth Malak aveva messo in ginocchio la Repubblica. Ma Revan, grazie ad una sorta di lavaggio del cervello operato dai Jedi, torna al lato chiaro e sconfigge Darth Malak. In Star Wars. Old Republic. Revan (pubblicato da Multiplayer.it) Karpyshyn ci racconta di come Revan, concluso il conflitto con Darth Malak ed assicurata la pace alla Repubblica, si ritiri a vita privata (anche per il sospetto e l’ostracismo dei jedi nei confronti e suoi e del suo modo spregiudicato e micidiale di utilizzare la Forza) accanto alla padawan di un tempo, Bastila Shan. Ma i ricordi soppressi tornano a bussare alla coscienza di Revan ed egli crede che si tratti di uno stratagemma della Forza per mostrargli un pericolo in arrivo. Lascia pertanto a casa su Coruscant la moglie Bastila, in attesa di prole, e si reca alla ricerca della memoria perduta là dove, dopo aver combattuto come cavaliere jedi assieme a Malak il pericolo di un’invasione mandaloriana della Repubblica, si era con lui rivolto al lato oscuro. E l’intuizione di Revan è esatta perché, al di là dello spazio galattico governato o conosciuto dalla Repubblica, sta in gran segreto espandendosi un nuovo Impero Sith (che i Jedi pensavano di avere definitivamente sconfitto mille anni prima) il cui potentissimo imperatore sta pianificando l’attacco alla Repubblica. Proprio questo nuovo Impero avevano scoperto i due jedi Revan e Malak, ma erano stati catturati e portati al lato oscuro dall’imperatore che li aveva rimandati indietro come sorta di testa di ponte per preparare il proprio attacco. La “riconversione” di Revan e la sconfitta di Malak avevano tuttavia rallentato i preparativi non essendo a conoscenza l’imperatore dell’esito delle sue macchinazioni.

untitledRevan si ritroverà però inviluppato nella ragnatela d’intrighi che s’intreccia all’interno del Consiglio Oscuro dell’Imperatore. Diversi tra i potenti maestri oscuri che ne fanno parte sono convinti che attaccare la Repubblica sia uno sbaglio che porterà alla distruzione completa dell’Impero, ma il complottare assieme contro l’Imperatore non li esime dal complottare anche uno contro l’altro per raggiungere un posto più elevato all’interno del Consiglio. Il giovane maestro Sith Lord Scourge è al servizio del consigliere Darth Nyriss che per metterne alla prova la lealtà lo porta su Nathema, un pianeta che i rituali oscuri dell’Imperatore hanno completamente svuotato di Forza e di vita. Proprio a Nathema i due incontrano Revan facendolo prigioniero. Ma Lord Scourge, pur diffidente, è attratto dal Jedi e dalle sue abilità, anche considerando che entrambi, per opposte motivazioni, vogliono che le macchinazioni dell’Imperatore falliscano.

Karpyshyn è abile, piuttosto che ad imbastire complessi arabeschi spaziali di duelli tra caccia e ammiraglie di schieramenti opposti – inopinatamente del tutto assenti in questo ennesimo episodio della saga di Guerre Stellari -, a sviluppare psicologicamente i due protagonisti contrapposti di Revan e di Lord Scourge entrambi interessati a comprendere la Forza nella sua interezza piuttosto che vederla da un solo lato.

Al romanzo di Karpyshyn (che si va ad aggiungere alle altre proposte narrative legate alla saga ideata da George Lucas pubblicate da Multiplayer.it tra cui ricordiamo la serie dedicata da Timothy Zahn al Grandammiraglio Thrawn) è da affiancare anche l’albo mensile inaugurato nello scorso ottobre da Panini Comics che traduce in italiano gli episodi a fumetti che la Lucasfilm ha prodotto per accompagnare ed arricchire sia gli episodi cinematografici sia le varie espansioni videoludiche della saga.

pubblicato da Alias del 20 aprile 2013

Advertisements

aprile 21, 2013 - Posted by | star wars | , , ,

Non c'è ancora nessun commento.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: