Di una canzone chiamata giovinezza e della fede come domanda

800px-John_Shirley_(cropped)Ho appena finito di leggere la trilogia di romanzi cyberpunk di John Shirley chiamata (ad esempio sia sull’edizione italiana sia sull’edizione inglese di Wikipedia, così come nelle traduzioni italiane): Eclipse Trilogy ma a cui Shirley, ripubblicandola a più riprese, si riferisce come A Song Called Youth. Non per caso. Shirley “nasce” come cantante e songwriter di varie band della scena musicale di Portland unendosi nel 1978 alla punk band dei Sado-Nation (per conoscere i quali è possibile fare riferimento alla compilation Future Past, Present, Tense, Grand Theft Audio 2005) ma continuando il suo rapporto con la scena musicale sia scrivendo testi per band come i Blue Öyster Cult, sia componendo e pubblicando album in proprio (vedi ad esempio la sua pagina su Bandcamp). La canzone chiamata Giovinezza a cui si riferisce la versione shirleiana del titolo della trilogia è la canzone con cui il cantante e chitarrista Rickenharp – passato tra le file della Nuova Resistenza – “sconfigge”, almeno temporaneamente, le armi dei fascisti (nel primo volume) permettendo ai suoi compagni di mettersi in salvo ed è la canzone che come un filo rosso percorre anche gli altri due libri scuotendo le coscienze della popolazione addormentata dalle fake news governative sulla Rete. Ma questo è già anticipare e spoilerare…

I tre libri della trilogia sono:

  • Eclipse (1985) tradotto per la prima volta in Italia su Urania 1255 nel 1995 con lo stesso titolo e ripubblicato nel 2006 da Hobby & Works;
  • Eclipse Penumbra (1988) pubblicato su Urania 1276 nel 1996 col titolo Azione al crepuscolo;
  • Eclipse Corona (1990) pubblicato su Urania 1290 nel 1996 col titolo La maschera sul sole.

 

 

Gianni Lippi, curatore di Urania, premette la seguente avvertenza:

Nel 1995 esce il primo romanzo della trilogia nota successivamente come A Song Called Youth, cioè la “Canzone della giovinezza”: è quell’Eclipse che noi abbiamo tradotto su “Urania” dopo averlo acquistato per la sua intrinseca bontà e dopo aver titubato per l’improvviso cambiamento della situazione politica mondiale, che rendeva obsoleta l’idea di una guerra mondiale USA-URSS. Tuttavia, il romanzo e i suoi seguiti […] continuavano a piacerci, e abbiamo deciso che la qualità della storia raccontata da Shirley fosse troppo buona per essere guastata da alcuni particolari storici “inesatti”: anche perché altri, e soprattutto lo sfondo americano, erano straordinariamente attuali e calzanti.

Se Lippi fosse ancor oggi tra noi probabilmente si ricrederebbe sul giudizio di inesattezza. Per una serie di motivi che vedremo esaminando la trama.

La trilogia mette in scena un conflitto planetario, la Terza Guerra mondiale tra Stati Uniti e Unione Sovietica in questo nostro 21. secolo. L’attacco arriva in particolare dall’Unione Sovietica che occupa i paesi europei e mette il blocco alla stazione spaziale FirStep. Gli Stati Uniti non intervengono direttamente per evitare l’escalation nucleare ma utilizzano le forze NATO per fermare l’avanzata sovietica in Europa e la compagnia privata Seconda Alleanza per mantenere l’ordine e la sicurezza nelle aree non ancora occupate o liberate dalle forze sovietiche. Ma l’SA è una società che sfrutta l’attività di “peacekeeping” per imporre – anche grazie l’acquisizione della maggiore società americana che gestisce Wardtalk, il social  più diffuso – la propria ideologia violentemente razzista che considera tutti i non bianchi esseri subumani da eliminare fisicamente tramite un virus ad azione specifica su alcuni tratti del DNA e da rimpiazzare con esseri allevati in laboratorio per i lavori più umili e pesanti. Contro la SA insorge la Nuova Resistenza che unifica le forze israeliane, arabe, di colore, le varie fazioni politiche unite dall’orrore per la deriva autoritaria e razzista come comunisti, liberali, anarchici. I guerriglieri della NR sono impegnati a combattere fisicamente sullo scenario europeo contro le truppe di mercenari della SA che occupano i centri di potere europei lasciati vuoti dalla progressiva ritirata delle forze sovietiche e instaurando governi fantoccio che incarichino l’azienda per i servizi di polizia e si adoperino per la creazione di un unico stato europeo (ironicamente?) appellato OCSE che si ponga da argine a neri, musulmani, ebrei in un contesto sociale non condizionato come quello statunitense dai media e sotto l’esclusivo controllo della propaganda della SA. I membri della NR negli Stati Uniti invece sono attivi come spie che cercano di sottrarre informazioni e personale a Wordtalk da un lato e alla CIA – anch’essa dominata dall’influenza della Seconda Alleanza – dall’altro. In particolare un ruolo decisivo avranno alla fine – in pieno stile cyberpunk – i “lupi dell’altipiano”: le persone con impiantato un chip neuronale che possono accedere ad un piano comune e coordinare sia gli attacchi ai server SA sia utilizzare le capacità computazionali collettive per coordinare le azioni. A capo della Seconda Alleanza è l’americano Rick Crandall un suprematista bianco, fanatico religioso, che asserragliato nel suo ranch coordina la presa del potere.

Come si può intuire se previsioni “inesatte” possono essere attribuite a Shirley (ma a un romanzo non spetta fare previsioni e non è su queste che va giudicato) non sono relative ad un conflitto USA-URSS: certo l’Unione Sovietica come tale non esiste più ma negli ultimi anni è sono cresciuti attriti e frizioni tra le sfere d’influenza russe e statunitensi soprattutto nell’est europeo e in Medio Oriente facendo tornare a rispolverare ai media il concetto di “Guerra fredda”. Piuttosto l’attore internazionale oggi in primo piano e che invece è del tutto assente dall’orizzonte narrativo shirleiano è la Cina che oggi contende soprattutto lo scenario agli Stati Uniti molto più della Russia e la sfera d’influenza asiatica è oggi molto meno presidiata dagli alleati statunitensi nonostante Giappone e Corea del Sud. Ma di ben poco peso è questa “svista” se messa a confronto con la conferma della recrudescenza del razzismo e dell’intolleranza, anche “di stato”, a cui stiamo assistendo e che probabilmente negli anni ‘90 (in cui scriveva Lippi) era inimmaginabile e che invece Shirley aveva lucidamente previsto. Tempo fa Shirley era su Facebook e chi lo seguiva poteva leggere le sue cronache e notazioni argute sul degenerare della scena politica e civile statunitense ad opera di quelli che chiamava “MAGA hat”. Purtroppo però ha deciso di ritirarsi ed anche la sua attività di scrittore si esplica ormai esclusivamente in più o meno scialbe riscritture videoludiche (Doom, Bioshock, Borderline, ecc.).

In A Song Called Youth ci sono svariati personaggi ma il principale è l’americano Dan “Occhi-Duri” Torrence, un turista bloccato in Europa dallo scoppio della guerra che si arrangia a sopravvivere ad Amsterdam fino a quando, aiutato da Smoke (che in seguito diverrà l’intellettuale della NR), si unisce in modo dapprima abbastanza casuale alla Nuova Resistenza, per diventarne col tempo uno dei più autorevoli e capaci comandanti. Oltre a lui ci sono Claire Rimpler, figlia riverita del creatore di FirStep che si ritrova fuggitiva sulla terra e braccata dalla SA solo per tornare trionfalmente sulla colonia spaziale come amministratrice in grado di mediare tra le contrarie rivendicazioni delle varie fazioni del personale; Jerome X, che in qualche modo raccoglie l’eredità di Rickenharp con la propria capacità esaltare artisticamente la sotto-rete; Steinfeld, già agente del Mossad e poi capo carismatico della NR in grado di “arruolare” nemici storici come gli arabi; Witcher, magnate finanziatore di NR e proprietario di una società di sorveglianza concorrente alla Seconda Alleanza che si circonda di tre bellissime ragazze che gli fanno da guardia del corpo vestite spesso esclusivamente di armi da fuoco.

Ad un certo punto, successivamente alla fine della guerra ed al ritiro delle truppe sovietiche, alla apparente cacciata della SA dal suolo americano dopo le rivelazioni fornite da Smoke dell’”inciucio” tra i vertici dell’organizzazione e la Presidente, quando l’Europa liberata ma in macerie è dominata da pulsioni nazionaliste governate dalla Seconda Alleanza che gestisce sul suolo francese enormi campi di concentramento per ebrei, neri, islamici e comunisti, e comunque avversari del regime, Torrence guida operazioni per liberare i prigionieri di questi campi e i capi della SA decidono di attuare ritorsioni uccidendo civili. In un gruppo di civili fucilati c’è anche una bambina e la cosa sconvolge Occhi-Duri. Torna al rifugio dove c’è Lespère, un prete francese che si è unito alla NR. Questo il loro dialogo:

<Sei in pena per te stesso?> domandò Lepère.

Torrence scosse il capo. Poi, improvvisamente, disse: <Sì. Sì, è così. Per me e per tutti quelli che si sono lasciati coinvolgere in questa dannata faccenda. 

<Lascia a Cristo il lavoro di Cristo. Il destino chiede il tuo sacrificio, non il tuo martirio. È solo l’inizio. Devi essere pronto. Andrà ancora peggio. La Sete [la polizia francese sotto la guida della Seconda Alleanza] farà imprigionare molta gente e la torturerà per stanarti. Ma la verità è che stai facendo più bene che male, anche se quella gente è decisa a compiere atrocità in tuo nome.

Bibisch annuì. <Exactement. C’est ça.

Torrence si sentiva come un’urna piena di cenere. “Un petite fille. Quella gente è decisa a compiere atrocità in tuo nome…”

<Più bene che male?> Occhi-Duri sbuffò. <Difficile crederlo.

<In tutti questi anni ho imparato una grande verità> disse Lespère. <Credere è sempre difficile.

La sentenza del parroco può sembrare paradossale. Fuori dalla sua porta ci sono milioni di persone che credono alle bugie del razzismo e molti di loro credono che il genocidio di tutti quelli che non sono cristiani e bianchi sia la soluzione ideale per l’ordine ed il benessere. Perché dunque Lespère sostiene che sia difficile credere? Un buon romanzo, lasciatemelo dire: la vera letteratura, si misura dalla capacità di suscitare anche in altri tempi ed altri luoghi di quella in cui è stata scritta questioni siffatte. Nel mio caso rispondo al dubbio applicando la distinzione heideggeriana tra “interesse” ed “interessante”. Per Heidegger interessante è la trasmissione televisiva su cui càpito con lo zapping e che mi coinvolge tanto da non farmi proseguire con lo scorrimento dei canali. Interesse è quel libro di cui, non soddisfatto di aver letto, commento e scrivo, m’induce a far ricerche e ad approfondire le mie conoscenze. Inter-esse è contemporaneamente l’oggetto che divora la mia attenzione e che è divorato dal mio studio. Allo stesso modo possiamo distinguere tra credere come fede (faith) e credenza (come parere, opinione: belief). Quella fornita nella trilogia di Shirley dalla Seconda Alleanza è credenza che risolve i dubbi sostenendo che tutti i problemi sono creati dagli immigrati ebrei, islamici e di colore e che è possibile rimuovere e/o eliminare il problema per tornare alla felicità. Mutatis mutandis è la stessa retorica che oggi tanto in Italia quanto negli Stati Uniti sostiene che la radice di tutti i mali dei rispettivi paesi siano gli immigrati di diversi colore o religione che rubano pane e lavoro ad italiani o americani. La credenza rimuove il dubbio, da certezza, evita la fatica di porsi problemi. Al contrario la fede raddoppia i dubbi che già normalmente una persona normale ha: perché oltre a chiedergli se già sta facendo il bene gli impone di chiedersi se potrebbe far meglio per adeguarsi ai suoi principi. In questo senso è completamente fuori strada chi pensa, a casa o in chiesa (qualsiasi tipo di chiesa), che Dio sia una risposta: Dio è la domanda più grande e terribile su noi stessi. Non basta l’adorazione formale di idoli, non basta la diuturna ripetizione del rito, occorre dare risposta, in ogni atto ed in ogni momento, a questa domanda. Ed accettarne le conseguenze che dovremo essere noi stessi nella misura della difformità tra il nostro misero particolare e l’infinito a trarre. In questo il Cristianesimo si dice consolatorio: in quanto postula il perdono perché il misero particolare non sarà mai neanche lontanamente all’altezza dell’infinito. Ma alla fine non è il risultato a contare quanto la tensione, l’energia che ognuno di noi riuscirà ad impiegare in questo adeguamento impossibile. E qualunque tensione, per quanto minima, è preferibile all’adeguarsi al “così fan tutti”, alla risposta preconfezionata della credenza.

E allora torniamo e concludiamo con Rickenharp e con la sua canzone chiamata giovinezza, sparata con tutti i decibel possibili, per confondere le truppe soverchianti della Seconda Alleanza e consentire allo sparuto ed accerchiato drappello della Nuova Resistenza di sfuggire alla morte e di portare la testimonianza della Parigi schiacciata dal tallone fascista al mondo libero ed ancora capace di giudizio. Un gesto folle, un sacrificio, ed al tempo stesso la più limpida dichiarazione di ribellione punk che unica la musica sa, da Mozart ad oggi, ancora esprimere. E punk non può che essere sinonimo di giovane in quanto in grado di liberarsi dai vincoli della società e della rispettabilità ed urlare in faccia al mondo il proprio disgusto. In modi e in tempi diversi non è lontana la dichiarazione cristiana che solo chi sarà come un bambino potrà entrare nel regno dei cieli. Certo Rickenharp non è “innocente”: il classico rocker imbottito di droghe, ma a differenza di altri che si conformano Rickenharp si erge e urla la sua canzone contro il mondo. Quell’urlo, quella canzone chiamata giovinezza, è forse proprio quello che manca al nostro mondo occidentale odierno che, incanutito e pauroso, rifiuta il grido d’aiuto lanciato dai giovani di altri paesi e altre culture le cui speranze vengono troppo spesso lasciate affogare in fondo al mare o rinchiuse nei centri di permanenza in Libia, non troppo diversi dalle descrizione che Shirley fa degli (immaginari, ma per quanto) centri di detenzione francesi. 

Annunci

OMAR CI PORTA TUTTI SUL PALCO

71gOZxIt7qL“Li vedi Fede, io sono fiero di loro…non li considero “fans” per me sono qualcosa in più, degli amici, con cui mi piace passare del tempo, parlare. Quando vengono ai concerti io li abbraccio tutti, mi portano la grappa, il vino, formaggi e uova, i prodotti della terra…La loro qualità non la sostituirei mai con la quantità del pubblico di alcuni colleghi. A volte penso che mi piacerebbe fare un programma in tv sul pubblico. Che tipo di pubblico hai?Chi ti segue? Perché in fondo penso che chi ti segue ti rappresenta. Io adoro il mio pubblico…”

Così Omar Pedrini, nel libro da poco uscito “Cane sciolto” di Chinaski Edizioni, scritto con Federico Scarioni, parla di noi.

Noi chi? Il suo pubblico naturalmente. Quelli che lo seguono da sempre e non l’hanno mollato neanche un secondo, quelli che l’han seguito a intermittenza nei suoi trent’anni di carriera, quelli che lo hanno scoperto da poco e anche quelli che son rimasti fermi a guardare con nostalgia la foto dei Timoria. Ci siamo tutti e allora Omar ci fa un regalo: apre le porte del furgone e ci porta in giro con lui per 340 pagine.

Inizia così questo libro-viaggio, o meglio, un “bioromanzo” (cioè una biografia verace raccontata come un romanzo) nel quale Omar ci accompagna un po’ ovunque: ci porta dove le canzoni nascono ed esplodono, tra i tanti testi di canzoni sparsi tra le pagine di una lunga carriera, sui palchi, nelle sale prove e nei camerini, dove gli aneddoti di vario genere sulla vita rock si susseguono numerosi…Ci si muove tra Nord e Sud, per le strade di Brescia, in un trullo pugliese, in un club di Londra, in Toscana, a Genova, fino ad arrivare alla porta di casa e agli affetti famigliari. Viaggiamo insieme nella memoria e nel presente. Insieme a noi, alla guida del mezzo, una presenza costante: Federico Scarioni, che tiene ben saldo il volante del racconto dal primo all’ultimo chilometro. Si dimostra un ottimo autista (del resto è un ex collega bibliotecario, siamo abituati a persone e storie noi…) e guida il furgone magico con il dovuto rispetto, senza strafare: affronta le curve delle domande difficili con dolcezza, si adegua bene alle varietà di territori che incontra (dal bar degli ultras all’oratorio, dalla band di Pino Scotto al monastero buddista) e soprattutto, incamera informazioni con attenzione, ma le rilascia con la giusta dose di discrezione e sensibilità. Perché qualcosa a volte si può anche non dire, perché quello che è taciuto ha una sua motivazione. Esattamente come ci si comporta quando si ha a che fare con un amico che si confida: si ascolta, non si chiede di più.

IMG-20171017-WA0004Alla fine ne esce un libro che è come un rosso corposo. Intenso, di avvenimenti, di incontri, di passioni e di spirito. Rock, in una parola. Come una vita vissuta, come un concerto tirato dal primo all’ultimo pezzo. Le  numerose fotografie all’interno accompagnano bene, la copertina è un capolavoro di sintesi. É un libro scritto anche per noi, come dice dice, appunto, la canzone. Sicuramente, ma non solo, Ho l’impressione, infatti, che il libro possa funzionare anche per chi non conosce Omar Pedrini e non ha idea di chi siano stati i Timoria. Il sottoscritto ovviamente da questo punto di vista non è attendibile per una controprova, ma testerò questa mia idea quando lo consiglierò a qualche utente della biblioteca che mi chiederà di consigliargli un romanzo…

Chiudo con tre considerazioni che riguardano le canzoni, in fondo questa è la storia di un musicista. La prima è che imbattersi tra le pagine in tutti i testi scritti in carriera da Omar, ci dà modo di rileggerli e renderci conto delle quantità di bellissimi pezzi che ha composto. La seconda è che ho pensato subito a quanto sarebbe stata bella un’opera multimediale, tipo e-book con le canzoni o i video, o anche a qualcosa di più complesso…Oppure, anche solo restando sull’analogico, un cd allegato con i pezzi in acustico (magari registrati in presa diretta!) Tra parentesi un libro del genere si sarebbe fortemente prestato a collegamenti ipertestuali, data la propensione di Omar a contaminarsi con altre arti e diversi generi musicali. La ricchezza di stimoli forniti in questo senso è fortissima e il libro apre vere e proprie “finestre” Ci sono diversi personaggi all’interno del libro, infatti, di cui non sono certo che tutto il pubblico conosca l’importanza, semplicemente perché la cultura italiana sembra averli dimenticati. Primo fra tutti, Gino Veronelli, seguito a ruota da Gianni Sassi, ma non sono certo gli unici. Per la terza e ultima annotazione, segnalo una canzone. Tra le tante, bellissime, e maggiormente conosciute, ne voglio ricordare una delle poche che avevo dimenticato. Si tratta di “Strana sera” contenuta nell’album Pane, burro e medicine. Posso dire che si tratta di una gemma nascosta in un album criticatissimo (che, come spiega più volte Omar, non doveva essere un album, ma un ritorno alla vita, alla propria professione, fatto con le poche forze fisiche disponibili in quel momento) Rileggere il testo mi ha riportato alla canzone, l’ho ascoltata con le cuffie e ho sentito quello che deve fare la canzone: Emozionare. Che poi è quello che riesce spesso a fare anche il libro.

Il furgone accosta, scendiamo allegri. Alla prossima!

Alberto Raimondi


IMG-20171017-WA0002Volentieri pubblico questo sentito racconto del libro di Omar Pedrini scritto dal collega ed amico Alberto. Secondo me meritava anche una piattaforma più professionale, essendo scritto benissimo… Comunque: mi riporta alla memoria gli anni in cui seguivo i Timoria in peregrinazione (sì, lo so che si dice “tour”) per le lande padane per conto dei giornali locali. Ricordo l’Omar che decantava le lodi di Milano che non è l’America o del mondo contadino ancora presente in Lombardia. Ancora ricordo Pedrini e Renga, i due galli nel pollaio che difficilmente vedevi assieme giù dal palco. E poi il nuovo corso senza Renga e da solista, e poi le vicende sentimentali e di salute… Un pezzo anche della mia vita.

Just bought CDs

In realtà “not so just” in quanto si tratta di album presi a più riprese nelle settimane scorse. Da sottolineare la munumentale Deluxe Edition di The Joshua Tree ma anche il nuovo Chuck Prophet, in forma come non accadeva da diversi anni (a parte la copertina dell’album, davvero orrida).







Just bought CDs

Ritorna questa piccola “rubrica” dopo troppo tempo, un po’ perché non ho materialmente il tempo di andare a Piacenza al mio negozio di musica preferito (Alphaville), un po’ perché ascolto fin troppo serialmente in streaming, un po’ perché i “diné” non è che crescono sugli alberi e con due figli da mandare a scuola ed una moglie precaria dell’istruzione non è che c’è da scialare. Però ogni tanto occorre anche chiudere gli occhi e lasciarsi andare a qualche pazzia, così, per continuare ad essere esseri umani. E stamattina, una volta adempiuti gli obblighi casalinghi e non (portati a scuola i figli, rifatti i letti, riordinata la cucina, fatta la spesa, pure compiuta aggratis una commissione per la Biblioteca), ecco la puntata – toccata e fuga – a Piacenza. Ed anche qui senza farmi mancare l’ennesimo scazzo con l’automobilista stronzo (non nero, non extracomunitario) che arriva al parcheggio e pretende il posto nonostante fossi lì da prima di lui (o lei). Ma fa niente. Entrare dopo mesi in un negozio di musica e poter scegliere mi ripaga del tempo che avrei potuto impiegare a fare altro.

Ecco il risultato. Sto ascoltando (rapito). Qualche volta fatevi anche voi il regalo di entrare in un negozio di musica (non un reparto di uno store generalista, proprio un negozio di musica, uno in cui puoi parlare delle tue passioni con chi lo gestisce).




Top ten musicale 2016

Carlo Bordone, sul suo blog, elenca i 50 album dell’anno. Incuriosito perché seguivo Bordone all’epoca in cui scriveva sul Mucchio, mi sono andato vedere l’elenco. Molti dei 50 titoli non li conosco neppure, ma che fa? Andiamoceli a scaricare! Mano a mano che scarico però aumenta la perplessità. Ora le classifiche sono fatte apposta per suscitare il giochino del “son d’accordo su questo ma io avrei messo anche quell’altro” da una parte e dall’altra de gustibus non est disputandum ma… non è che gli album proposti non mi piacciano (sarebbe legittimo, posso avere altri gusti) ma al contrario mi piaciucchiano. 2 esempi capitali (che anche per la mia storia di ascolti non potevo non conoscere) sono i Motorpsycho e Lucinda Williams. Certo la seconda ha fatto un doppio album prezioso ma nessuno dei due mi “aggancia” come avevano fatto altri album del rispettivo passato. Strano? E sì che quest’anno ho ricominciato ad ascoltare musica nuova in dosi significative. Perché allora non tediare gl’incauti internauti che incappino su questo post con la mia top ten musicale del 2016? Detto fatto non ci ho messo molto. E i dubbi li ho avuti sulle posizioni basse, ma non assolutamente su quelle alte, testimoni in almeno due casi di improvvisi innamoramenti musicali che mi hanno fatto ricercare la discografia completa degli artisti in questione.

Ma per cominciare vorrei offrire 3 video che – nonostante gli album in cui sono contenute le canzoni non mi convincessero appieno – sono state in heavy rotation sul mio Youtube e sull’autoradio:

CeuPerfume do Invisivel (dall’album Tropix della cantante brasiliana che unisce le melodie tipiche della sua musica tradizionale alle influenze del blues, del soul e nell’ultimo album anche della musica elettronica)

Ariana GrandeDangerous Woman (dall’omonimo album di quella che, partita con ruolo di svampita nelle serie per ragazzini della Disney, sta diventando una bomba sexy della musica pop statunitense ma che non manca di doti canore decisamente apprezzabili; ad esempio cercate la versione a capella di questa title track per verificare come anche senza rete Ariana riesca ad offrire una grandiosa performance)

Banks & SteelzGiant (come recita Allmusic, si tratta dell’improbabile collaborazione tra RZA dei Wu-Tang Clan e Paul Banks degli Interpol per un mix al fulmicotone tra metal melodico e hip-hop assassino; il resto dell’omonimo album non regge le aspettative ma la title track è imperdibile)

10) Life Is Strange Soundtrack

life-is-strange

Non l’album che ti aspetteresti di trovare in una top ten; non un album che riuscirai a recuperare facilmente. Si tratta infatti della compilation che fa da colonna sonora al bellissimo omonimo videogioco e che si trova come CD a se stante esclusivamente nell’edizione plus del videogioco stesso. All’interno di questa colonna sonora si trovano gruppi anche molto conosciuti come Sparklehorse e Mogway ma è il mood complessivo estremamente coerente e adatto all’atmosfera malinconica e riflessiva del videogioco a proporsi come perfettamente riuscito ed adatto anche al di fuori del videogioco per tutte le uggiose giornate di pioggia che ci troviamo davanti).

9) Amos Lee – Spirit

amos-lee

Il colto Amos Lee da Filadelfia propone un album di jazz e di pop sofisticato riempito da una meravigliosa voce soul. Il classico disco che ogni volta che l’ascolti ti dice qualcosa di nuovo e di diverso.

8) Elizabeth Cook – Exodus of Venus

cook

Qualcuno potrebbe chiedersi perché lasciar fuori Lucinda Williams e mettere dentro Elizabeth Cook, dato che fondamentalmente le coordinati musicali sono simili (un country contemporaneamente roots e condito da dosi massicce di rock). Anche solo perché le aspettative per Lucinda sono comunque alte e per questo mi ha sorpreso di più Elizabeth. Che in realtà è un’artista che conoscevo già, avendo nella mia collezione il suo primo album Hey Y’all del 2002, un divertente saggio di una giovane cantante country che si esibisce spumeggiante nei classici recinti del genere musicale. Ne ho perso poi le tracce e mi son perso tre album: neanche tanti considerando i 14 anni trascorsi. Nel 2016 esce questo nuovo album della biondina spilungona della Florida. E, musicalmente, si sentono tutti, nel senso che il suono è adulto così come i testi (non è in questo album ma ci vogliono le palle, per una cantante country tutto sommato “tradizionale”, per proporre una canzone dal titolo Sometimes It Takes Balls To Be A Woman – da Balls del 2007) e in generale la riuscita delle canzoni. E quando parlo di country non penso ovviamente al pacchiume alla Garth Brooks (anche lui lo scorso anno ha fatto uscire un nuovo disco, ma penso di non essere riuscito ad ascoltarlo tutto dall’inizio alla fine neppure una volta), ma esattamente al quel posto magico in cui il folk incontra il rock.

7) Green Day – Revolution Radio

green-day

Dopo Unos, Dos e Tres (il primo l’ho ascoltato giusto un paio di volte, il secondo ce l’ho lì ed il terzo manco l’ho scaricato) i Green Day tornano allo spirito e alle impostazioni melodiche e ideologiche di American Idiot. Non c’è forse la stessa compattezza di quell’album (ascoltato al punto da conoscerlo a memoria) ma almeno la direzione è quella.

6) The Kills – Ash & Ace

kills

Parlando dei Kills con un amico li ho definiti “punk” provocando sconcerto. Ma come punk?! Se sono l’apoteosi della fighettitudine?! Punk non nel senso di brutti sporchi e cattivi ma piuttosto di menefreghisti autodistruttivi musicalmente minimalisti (i famosi 3 accordi 3). Alla fine non sono i punk alla Rancid a fottere il sistema (anzi è il contrario: è il sistema che trasformandoli in moda fotte il loro ideale) ma sono i Kills che sfruttano il sistema dall’interno godendosela e buttando in faccia nichilisticamente al sistema stessa la merda che produce. Niente perciò di diverso dal solito. La riconferma che stanno bene, sono in forma, e musicalmente la loro anticrociata continua.

5) Red Hot Chili Pepper – The Getaway

rhcp

Josh Klinghoffer dimostra di non essere una meteora momentanea sulla scia di Frusciante ma di sapersi perfettamente integrare col trio storico Flea-Kiedis-Smith. E i Peppers continuano a fare musica perfettamente riconoscibile e contemporaneamente diversa da quella di tutti gli altri, compresi quelli che potrebbero essere anagraficamente figli loro. Divertentissimo il gioco coi figli di tenere il tempo su Dark Necessities. By the way, stupendo questo video per rappresentare donne non in un contesto ipersessualizzato, ma piuttosto come skaters, come le donne con le palle (di cui cantava la Cook) che mostrano non tette o culi ma abrasioni e ferite da tricks.

4) KT Tunstall – KIN

tunstall

Scozzese, realizza con KIN un album di canzoni belle ed efficaci. Ma il meglio lo da in concerto, soprattutto quando si esibisce in strabilianti performance da one woman band.

3) Kiiara – Low Kii Savage

kiiara

Kiiara (al secolo Kiara Saulters) è una ragazzina di 21 anni dell’Illinois (speriamo non faccia parti dei noti nazisti di quelle parti…) e Low Kii Savage è un EP. Nonostante ciò una volta sui riproduttori è difficilissimo passare ad altro. Fulminante il singolo Gold che sembra “sgocciolare” pattern musicali per tutta la canzone, ma non da meno sono le altre 5 canzoni di cui citerò solo Tennessee. Se a 21 anni fai una cosa del genere, sostanzialmente un promo a livello di industria musicale, o diventi un dio della musica o sarai maledetto nei secoli. Ogni mio augurio a Ki(i)ara che per lei si aprano le porte dell’empireo!

2) Lydia Loveless – Real

loveless

Lydia Loveless (al secolo Ankrom – e obiettivamente si può capire perché un cognome del genere abbia bisogno d’essere cambiato…) è un’altra ragazza di soli 5 anni più “anziana” di Kiiara, ma con al suo attivo già 4 album che possono essere ascritti all’area alt-country. Nel 2011 avevo acquistato il suo secondo album – Indestructible Machine, il primo, se non erro, ad avere distribuzione internazionale – e mi aveva impressionato l’energia, non purtroppo la capacità di “costruire” canzoni memorabili. Col secondo album migliora e col terzo le sue canzoni sono praticamente perfette: un mix di sonorità roots e di energia rock combinate dal fuoco di una giovane e trascinante personalità.

  1. Haley Bonar – Impossible Dream

bonar

E qui arriva il vero amore. Non conoscevo prima d’inciampare nel suo ultimo album Haley Bonar, non avevo mai ascoltato prima qualcuno dei suoi precedenti 5 album. Ma quando ho ascoltato Impossible Dream l’ho poi riascoltato e riascoltato e riascoltato e riascoltato… fino a quando ho deciso di recuperare anche gli album precedenti di Haley (finora sono però riuscito a recuperare solo penultimo – Last War – e terzultimo – Golder) e finora nessuno è risultato inferiore alle aspettative. Il folk-rock di Haley è impreziosito da una voce stupenda e da canzoni semplicemente perfette, in bilico tra gioia e malinconia.

La merda musicale di Rolling Stone: gli anni 90 in Italia non sono stati solo questo

I 10 migliori album italiani degli anni '90   Rolling Stone Italia_20160820162139Noto su Facebook un post da Rolling Stone (edizione italiana) che propone “I 10 migliori album italiani degli anni ’90“. Curioso lo apro, leggo le 10 scelte con cui la Redazione vuole mostrare un gruppo di opere che “rappresentano il meglio dell’ultimo decennio del secolo scorso, tra indie rock, pop da classifica e street credibility”. Le dieci opere le trovate a quest’indirizzo: http://www.rollingstone.it/musica/news-musica/i-10-migliori-album-italiani-degli-anni-90/2016-08-19/ ma l’articolo completo è nell’immagine allegata che vi potete tranquillamente scaricare.

La mia prima reazione è stata: Lammerda! Oddio, qualcuno degli album potrebbe pure starci, ma non mettere nella decina Curre curre guagliò dei 99 Posse usato nella colonna sonora di Sud di Salvatores è essere musicalmente in malafede! Qualcuno potrebbe pensare del sottoscritto “oh ve’ che bestia. E il maestro lui vuol fare a loro!”. Ora è chiaro che qualsiasi classifica è sempre soggettiva ed è anche bello il gioco che innesca dei “ce l’ho”, “mi manca”, “bello”, “brutto”, “io avrei messo questo o quest’altro”. Ad esempio non capisco come non possa essere presente l’ultimo – stellare – disco di Fabrizio De André Anime salve (1996) che sia da un punto di vista musicale, sia da un punto di vista letterario sta miglia al di sopra di qualsiasi dei dischi selezionati. Ma certo si tratta di un prodotto “autoriale”, in qualche modo “d’élite”. Perché allora non inserire nessun disco di Ligabue, per cui gli anni ’90 sono stati quelli maggiormente produttivi e felici? E’ assolutamente rappresentativo di una certa musica anni ’90, che tra l’altro continua ad essere apprezzata e tenuta in vita dalle varie tribute band in giro per la Penisola.

Ma Curre curre guagliò, anche al di là dell’apprezzamento o meno musicale che si può avere per questo disco, è rappresentativo di qualcosa che è completamente escluso dalla classifica di Rolling Stone, cioè il circuito politico e musicale che negli anni ’90 ha trovato incubatrice e fermento nei centri sociali, come appunto Officina 99 a Napoli (base appunto dei 99 Posse) o il Leonkavallo a Milano. E delle tante produzioni, forse anche migliori da un punto di vista strettamente musicale rispetto a quella dei 99 Posse – come non pensare ad esempio almeno a Sanacore degli Almamegretta (1995) -, Curre curre guagliò incarna perfettamente il panorama antagonista e controculturale essendo scelta da Salvatore (nel suo periodo di maggiore notorietà) come canzone simbolo del malessere e della rabbia nei confronti del sistema Italia espressa anche mediante la musica. In più i 99 Posse grazie alla visibilità ottenuta contribuiscono a sdoganare l’hip hop come un genere musicale a disposizione per esprimere la rabbia ed il disagio dell’essere giovane e senza un futuro

Della serie: non critici musicali, ma braccia rubate all’agricoltura. Forse sarebbe meglio mandare loro a raccogliere pomodori nei campi e chiedere agli immigrati di raccontarci i loro universi musicali…