La merda musicale di Rolling Stone: gli anni 90 in Italia non sono stati solo questo

I 10 migliori album italiani degli anni '90   Rolling Stone Italia_20160820162139Noto su Facebook un post da Rolling Stone (edizione italiana) che propone “I 10 migliori album italiani degli anni ’90“. Curioso lo apro, leggo le 10 scelte con cui la Redazione vuole mostrare un gruppo di opere che “rappresentano il meglio dell’ultimo decennio del secolo scorso, tra indie rock, pop da classifica e street credibility”. Le dieci opere le trovate a quest’indirizzo: http://www.rollingstone.it/musica/news-musica/i-10-migliori-album-italiani-degli-anni-90/2016-08-19/ ma l’articolo completo è nell’immagine allegata che vi potete tranquillamente scaricare.

La mia prima reazione è stata: Lammerda! Oddio, qualcuno degli album potrebbe pure starci, ma non mettere nella decina Curre curre guagliò dei 99 Posse usato nella colonna sonora di Sud di Salvatores è essere musicalmente in malafede! Qualcuno potrebbe pensare del sottoscritto “oh ve’ che bestia. E il maestro lui vuol fare a loro!”. Ora è chiaro che qualsiasi classifica è sempre soggettiva ed è anche bello il gioco che innesca dei “ce l’ho”, “mi manca”, “bello”, “brutto”, “io avrei messo questo o quest’altro”. Ad esempio non capisco come non possa essere presente l’ultimo – stellare – disco di Fabrizio De André Anime salve (1996) che sia da un punto di vista musicale, sia da un punto di vista letterario sta miglia al di sopra di qualsiasi dei dischi selezionati. Ma certo si tratta di un prodotto “autoriale”, in qualche modo “d’élite”. Perché allora non inserire nessun disco di Ligabue, per cui gli anni ’90 sono stati quelli maggiormente produttivi e felici? E’ assolutamente rappresentativo di una certa musica anni ’90, che tra l’altro continua ad essere apprezzata e tenuta in vita dalle varie tribute band in giro per la Penisola.

Ma Curre curre guagliò, anche al di là dell’apprezzamento o meno musicale che si può avere per questo disco, è rappresentativo di qualcosa che è completamente escluso dalla classifica di Rolling Stone, cioè il circuito politico e musicale che negli anni ’90 ha trovato incubatrice e fermento nei centri sociali, come appunto Officina 99 a Napoli (base appunto dei 99 Posse) o il Leonkavallo a Milano. E delle tante produzioni, forse anche migliori da un punto di vista strettamente musicale rispetto a quella dei 99 Posse – come non pensare ad esempio almeno a Sanacore degli Almamegretta (1995) -, Curre curre guagliò incarna perfettamente il panorama antagonista e controculturale essendo scelta da Salvatore (nel suo periodo di maggiore notorietà) come canzone simbolo del malessere e della rabbia nei confronti del sistema Italia espressa anche mediante la musica. In più i 99 Posse grazie alla visibilità ottenuta contribuiscono a sdoganare l’hip hop come un genere musicale a disposizione per esprimere la rabbia ed il disagio dell’essere giovane e senza un futuro

Della serie: non critici musicali, ma braccia rubate all’agricoltura. Forse sarebbe meglio mandare loro a raccogliere pomodori nei campi e chiedere agli immigrati di raccontarci i loro universi musicali…

Annunci